Autore di una delle opere più conosciute nella storia dell’arte, il pittore norvegese Edvard Munch (1863-1944) è stato anche uno dei primi artisti a sperimentare con l’autoritratto fotografico.
La Scandinavia house di New York rivela al pubblico i suoi lavori con la fotografia e le immagini in movimento.

Da fotografo dilettante e senza alcuna intenzione di mostrare questi scatti al pubblico, ha esplorato le potenzialità dell’errore fotografico, come lo sfocato, il mosso e le esposizioni multiple. Munch ha creato con la fotocamera una realtà distorta e spettrale, popolata da multiformi versioni di se stesso.

Si avvicina alla fotografia nel 1902, dopo la fine della burrascosa relazione con Tulla Larsen, che fa perdere un dito al pittore durante una furente lite. Nel 1908 è un artista di successo, circondato da ammiratori, ma ansia e alcolismo lo portano al crollo nervoso.

Entra nella clinica del dottor Daniel Jacobson a Copenaghen dove rimane fino al 1909 e comincia un percorso per ritrovare la stabilità psichica ed emotiva. Il secondo periodo in cui si concentra sulla fotografia è segnato dalla consacrazione nel mondo dell’arte, ma anche da una temporanea riduzione della vista. In questi anni realizza anche dei film con una cinepresa a mano.

Davanti alla pellicola, Munch mette una versione sperimentale di sé: aveva una vecchia macchina fotografica con la quale ha scattato tantissime foto di se stesso, spesso con risultati eccezionali. “Un giorno, quando sarò vecchio, e non avrò di meglio da fare che scrivere la mia autobiografia, questi autoritratti vedranno la luce”.

The experimental self: Edvard Munch’s photography sarà aperta fino al 4 luglio 2018.

Grafici e Designers

Diamo vita alla creatività geniale.

T: +39 0173 280479 E: info@langaprint.it

Contatta il nostro team

 Accetto le regole  privacy

LANGA Digital marketing firm
Piazza IV Novembre, 4 (MI) 20124, Milano ITA
P.IVA 10637600965

All Rights Reserved - Account / Supporto / Artist

Acquista arte digitaleVai allo Store
+